Rinnovo certificati MAMS

22-01-2013

RINNOVO CERTIFICATI MAMS

 

Il decreto del 21 gennaio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.50 del 28.02.2008, ha stabilito nuove procedure per quanto riguarda le certificazioni di Marittimo Abilitato ai Mezzi di Salvataggio (MAMS), tanto che anche chi era già in possesso di tale documento, magari ottenuto molti anni prima, ha dovuto recarsi presso una sede di Capitaneria di Porto per passare un esame supplementare. Pochi si sono accorti allora che il nuovo certificato ottenuto recava la data di scadenza, 5 anni successiva alla data del conseguimento. D'altra parte tutti gli altri corsi di cui siamo in possesso (ad eccezione in parte del GMDSS) vengono rinnovati automaticamente con la navigazione effettuata (12 mesi negli ultimi 60), per cui non ci si è preoccupati più di tanto.

A breve cominceranno quindi a scadere i certificati emessi nel 2008 e noi (A.Ma.Di.) abbiamo chiesto come fare per rinnovarli. La risposta non è delle più confortanti. Stando alla normativa vigente, ed il riferimento è la circolare del 17.12.2008, per ottenere il rinnovo (punto H.2.7) “il marittimo dovrà dimostrare di aver mantenuto l'addestramento pratico ovvero aver partecipato alle tre esercitazioni richieste”. Nel corso delle esercitazioni, per comprovare le quali è necessario che il Comandante dell'imbarcazione o nave compili l'apposito modello A, sono previste alcune prove pratiche, come “nuotare con speciali equipaggiamenti”, o “raddrizzare un mezzo di salvataggio capovolto” o ancora “recuperare un naufrago e trasferirlo su nave o elicottero”. E' evidente che è impossibile effettuare queste prove a bordo e che quindi, a meno che il Comandante non voglia dichiarare il falso, occorrerà recarsi presso i centri di addestramento attrezzati per tali scopi.

Questa è almeno la versione che ci è stata fornita dalle CP di Genova e La Spezia.

Il Ministero, interrogato sull'argomento, non ha ancora risposto.

La speranza è che, dal momento che ancora nessun marittimo ha dovuto affrontare la questione (le prime scadenze avverranno nei prossimi mesi), le CP non l'abbiano esaminata attentamente, e che quando cominceranno ad affluire decine, centinaia di domande in tal senso, prenderanno i provvedimenti necessari.

In fondo sarebbe sufficiente stabilire, ed in qualche modo la cosa potrebbe già essere prevista tra le righe del decreto citato, che le prove pratiche possano essere sostituite da simulazioni, e che queste possano essere fatte a bordo e certificate dal Comandante dell'unità.

Si eviterebbero grossi disagi ed ulteriore spreco di denaro da parte dei marittimi.

 


Tutte le news

Home Home

Schede selezionate  

Vuoto

Totale € 0,00

Prosegui

I nostri partner

^ Torna su